sabato 28 luglio 2012

Castelli di rabbia





Oh, io in vacanza ci sono stata, come mi avevate consigliato.
E non è andata male, nonostante 3 giorni su 7 di tramontana e il virus intestinale per tutta la durata.
Però poi ovvio, siamo dovuti tornare e tempo 3 giorni ero già arrabbiata di nuovo, e questa volta di brutto. Sono così incazzata che dormo male, mi sveglio alle 6 e c'ho la tachicardia.
Mi chiedo perché mi ostino a restare in luoghi virtuali dove non fanno altro che svilirmi e sì, anche insultarmi. Perché mi sono costruita una vita virtuale con persone che non mi conoscono piuttosto che curarmi per benino quella reale, che poi un giorno ti svegli e hai 80 anni e la vita è bella che andata. Mi chiedo quando imparerò, quando smetterò, quando me ne allontanerò. E soprattutto mi chiedo perché la percentuale di incomprensione verso quello che sono sia ugualmente alta, sia nel reale che nel virtuale.
Forse dovrei smetterla di farmi tante domande, dovrei spegnere il pc e fare le cose che da 3 anni non faccio più come le marmellate, le torte, gli apertivi con le amiche, la palestra, i colloqui di lavoro, i sogni di una vita diversa. In questi 3 anni mi sono dedicata al mio progetto d'amore, e durante questo percorso quei luoghi mi hanno aiutata, confortata, sostenuta. Ma ora qualcosa si è rotto, e sempre più spesso mi sento come un'intrusa, come quando alle medie tutte le compagne facevano cerchio e si zittivano quando comparivo io, la più timida della classe. Io non capivo, a me non si parlava. E allora che senso ha? Quando taglierò il cordone? O in alternativa dovrei imparare a stare zitta? Ma allora torniamo al punto 1, che senso ha?
Mi sa che mi serve una doppia razione di vacanza. Se si trovasse qualcosa di libero, ma non c'era la crisi? O_o

8 commenti:

  1. Bè, ma nel mio blogghetto continuerai a passarci vero? Comunque posso capire la sensazione..Io non sono oppressa dal mondo virtuale, ma da quello reale e ho sintomi simili ai tuoi.. Non vedo l'ora di staccare qualche giorno, anche se per farlo veramente dovrei partire da sola e lasciare il cellulare a casa :)

    RispondiElimina
  2. Ma certo Cri, passerò sempre ;)

    RispondiElimina
  3. Brutta sensazione.
    E anche io mi pongo le stesse domande.
    MI sento in un altro mondo, mi sento di un'altra dimensione...

    RispondiElimina
  4. Già, brutta davvero :(

    Ps: non riesco più a trovare il link del tuo blog :S me lo ridai? ^^

    RispondiElimina
  5. è incredibile come certe sensazioni siano cosi'.. familiari.. se non sapessi che l'hai scritto tu, potrei pensare di averlo scritto io senza accorgermene... FATTI FORZA, SU! e se staccarti sal pc puo' farti star bene, perchè non farlo?

    RispondiElimina
  6. Grazie mille del passaggio, del commento e delle belle parole :)

    RispondiElimina
  7. Ehilà... ti avrei assegnato un premio, chissà che tiri un po su il morale :)

    RispondiElimina
  8. Ciao, non riesco ad immaginare che c'è gente virtuale che svilisce ed insulta le persone. Ma davvero? La gente non finirà mai di stupirmi. Ringraziano il cielo il web ti permette di allontanatrti dalle persone senza dare le spiegazioni che la vita reale impone. Quindi, non sarebbe più semplice non frequentare più certi blog, se non ti piacciono? Bah,... Comunque, io ti ho appena scoperta e non ci crederai ma mi piaci. Davvero e pure tanto. E ho tutta l'intenzione di tornare. Quanto alla rabbia, quando io sto così faccio sport e cerco di stancarmi. Almeno la notte dormo!! E poi un poò di vaffa a chi di dovere potrebbero aiutare!!
    Raffaella

    RispondiElimina